Fine Books, Manuscripts, Prints and Autographs

370

Architecture. PIRANESI. Della magnificenza ed architettura de' Romani.

EUR 8.000,00
Starting price
EUR 16.000,00 / 20.000,00
Estimate

Description

Architecture. PIRANESI. Della magnificenza ed architettura de' Romani.
 
PIRANESI, Giambattista. Della magnificenza ed architettura de' Romani.
Roma, 1761
 
Grande in-folio. 550 x410 mm. Legatura coeva in vitello marrone marmorizzato a disegno di radice, dorso ornato in oro con titolo su tassello in marocchino rosso. fogli di guardia marmorizzati. Due Frontespizi incisi da Piranesi, Ritratto a piena pagina di Clemente XIII inciso da Cunego e Piranesi, Pagine 2 non numerate con la dedica, 212. 38 Tavole numerate, delle quali 8 su doppia pagina e 4 ripiegate, molte ocn filigrana “Giglio entro cerchio”, usata nei primi stati di Piranesi (Hind's watermark 1, "noted in early states"). Testo a fronte italiano e latino. 
Incollati al contropiatto: Ex-libris araldico di Arthur Hugh Smith-Barry, Primo Barone Barrymore (1843-1925) a Marbury Hall; sotto, Ex-libris con iniziali “GL”, numerato e datato “1921”. 
Lieve traccia di gora sull’angolo superiore di alcune pagine, alcune macchiette e occasionali tracce d’uso, in complesso bell’esemplare su carta forte vergellata.
 
Unito con: 
Osservazioni di Gio. Battista Piranesi sopra la Lettre de M. Mariette
Roma 1765
 
Frontespizio inciso figurato, 23 pagine, 6 grandi vignette incise nel testo, 3 Tavole a piena pagina numerate I-III, 6 Tavole su doppia pagina non numerate, firmate “Cavaliere Piranesi …” prodotte nel 1767. Testo a fronte in italiano e francese, su due colonne.
 
Rare prime edizioni. Splendido esemplare della più importante opera teorica di Piranesi, tavole con brillante e nitida inchiostratura. Il grande incisore e architetto fu ispirato dalla lettura di Le Roy, che nel suo “Les ruines des plus beaux monumens de la Grece” affermava che l'arte romana era una brutta imitazione di quella greca. Piranesi rispose con con tre argomenti: i Greci avevano copiato gli Etruschi, la loro arte era superiore; essa derivava da quella egizia che fu emulata dai Romani. 
La seconda opera, che rappresenta un supplemento e una precisazione della “Magnificenza”, è una risposta a Mariette, che affermava che gli Etruschi erano una colonia greca; essa venne originariamente pubblicata nel 1765, senza incisioni alla fine; successivamente, dal 1767, l'opera fu allegata al "Della Magnificenza" e furono aggiunte le tre incisioni a piena pagina numerate. Nel nostro esemplare sono presenti anche le sei tavole su doppia pagina, non numerate, che spesso mancano.
Cicognara 3833; Focillon 927-926; Hind, pag, 84-85. Cfr. Ficacci "Piranesi. Catalogo completo delle acqueforti" pag.498. The work is offered with a valid export license.
wed 1 -  thu 2 December 2021
Auction times

VIEWING

15-22 November 2021 from 10.00 am to 6.00 pm. Only by appointment and with Valid Certification for Covid-19.